Verifica di compatibilità idraulica del progetto di costruzione di un impianto di cogenerazione e delle relative infrastrutture nella zona artigianale Dick Süd in Val Sarentino - (BZ) 2017

Area di studio

Su incarico del Sarner Group è stata condotta un’analisi di compatibilità idraulica del progetto di costruzione di  impianti di cogenerazione e delle relative infrastrutture nella zona artigianale Dick Süd in Val Sarentino.

Il progetto prevede la costruzione di due impianti di cogenerazione, uno alimentato con cippato di legno e/o corteccia e  l’altro alimentato a pellet.

Per quanto riguarda l’analisi dei pericoli idraulici in prossimità dell’area di studio, il fenomeno che si sviluppa sul Rio Rosso  si origina come colata detritica nella parte alta del bacino ed evolve sul conoide in alluvione con trasporto solido intenso. Il fenomeno relativo al torrente Talvera è principalmente una alluvione con trasporto di materiale.

Gli scenari studiati riguardano eventi di piena relativi a tempi di ritorno pari a 30, 100 e 300 anni, come previsto al DGP 989 del 13.09.2016. Lo studio idraulico per la valutazione del pericolo è stato eseguito utilizzando un modello matematico bidimensionale a fondo mobile sviluppato presso l’Università di Trento  per il Rio Rosso e il modello BASEMENT sviluppato presso il politecnico di Zurigo ETH per la Talvera.

           

Estratto della carta del pericolo idraulico per l’area di studio

1. Valutazione del pericolo idraulico dei Torrenti Talvera e Rio Rosso attraverso i seguenti punti:

  • rilievo topografico di dettaglio e analisi morfologica
  • analisi idrologica
  • tipologia del fenomeno atteso
  • analisi idraulica

2. Determinazione del livello di pericolo. Le analisi idrauliche condotte sulla Talvera e Rio Rosso mostrano che l’area di studio è interessata in parte da pericolo idraulico  elevato (H3-campitura blu) e in parte medio (H2-campitura gialla) in quanto trattasi di zona alluvionabile da parte del Talvera, già per eventi trentennali con intensità bassa (Buwal = 3).

3. Analisi della vulnerabilità del progetto e studio di misure per la riduzione della vulnerabilità.

A seguito dell’analisi ed elaborazione del pericolo idraulico, sono state predisposte misure per la riduzione dei danni potenziali, quali ad esempio:

a) Costruzione di un muro di protezione a monte dell’edificio dove saranno collocati gli impianti.

b) Riduzione della vulnerabilità dell’edificio. Relativamente agli impianti posizionati nei locali maggiormente vulnerabili rispetto all’esondazione, devono essere protette le parti elettriche, gli stoccaggi di oli di varia natura e i big bag contenenti le ceneri e gli scarti.

Posizione del muro di protezione

Posizione del muro di protezione con dettaglio sul rinforzo al piede del muro in massi ciclopici