Analisi dei fenomeni di dissesto idrogeologico lungo la linea ferroviaria Merano-Malles, in località Ponte di Legno - Comune di Silandro (BZ)

Su incarico di STA – Strutture Trasporto Alto Adige S.p.A., è stato condotto uno studio geologico-idrologico-idraulico del versante in destra Adige tra le quote 680 e 2230 m s.l.m.m. ca. con proposte di intervento per la mitigazione di fenomeni di dissesto.

L’area di studio si trova in località Ponte di Legno, Comune di Silandro, ed è interessata da fenomeni idraulici derivanti da diversi impluvi presenti lungo il versante in destra orografica del fiume Adige.

Impluvi afferenti al tratto di ferrovia interessato dagli eventi

Lungo tre  degli impluvi presenti nell’area di studio, il 09.01.2018 si sono verificati tre distinti eventi di natura mista, valanga bagnata e debris flow, uno dei quali  ha raggiunto ed oltrepassato il sedime ferroviario al chilometro 66+800, esaurendosi nel sottostante meleto.

Gli obiettivi del presente studio sono riassumibili come segue:

1) indagare le cause che hanno innescato l’evento di gennaio 2018

2) valutare l’intensità dei fenomeni idraulici che potenzialmente interessano la ferrovia nel tratto di indagine

3) individuare misure di mitigazione del pericolo idrogeologico lungo la ferrovia.

Intervento proposto sull’impluvio K1

Dall’analisi è emerso che, nonostante i corsi d’acqua abbiano carattere effimero, in presenza di precipitazioni consistenti e/o condizioni di innevamento anomalo, possono attivarsi e dare origine a fenomeni di trasporto intenso. In particolare si evidenziano i seguenti aspetti.

1. L’eccezionalità dell’evento del 9.01.2018 consiste nella contemporaneità con cui diverse concause si sono attivate […].

2. L’analisi idraulica ha permesso di determinare per quali impluvi gli eventi possono interessare il rilevato ferroviario e quantificarne i volumi.

3. La mitigazione del pericolo idrogeologico relativo al versante che sovrasta la ferrovia richiede la gestione di acque e volumi di sedimento, derivanti dal trasporto di materiale detritico da parte di fenomeni franosi e idraulici. Gli interventi individuati sono di due tipi, opere con funzione mista, per la mitigazione delle colate detritiche e della caduta massi, e di opere specifiche per la mitigazione di fenomeni geologici. In particolare, interventi di natura mista sono necessari al piede del versante, e consistono in un sistema tomo-vallo, complementato da drenaggi per il deflusso delle acque di colata. Per ognuno di essi è stato eseguito un dimensionamento e un posizionamento di massima, attraverso l’analisi idrologica ed idraulica della propagazione di eventi trecentennali lungo il versante. La costruzione di questi interventi comporterà un miglioramento dell’attuale situazione e una diminuzione del rischio specifico per la linea ferroviaria.

Zona di scorrimento della valanga a monte del cambio di pendenza; vista da monte
Cambio di pendenza in cui la valanga ha dato origine alla colata
Inquadramento degli interventi